Orientamenti socio-culturali

Paesi di Origine - Eritrea

 

L’Eritrea è uno stato multilingue e multiculturale con due religioni dominanti (Islam Sunnita e Cristianità Ortodossa Orientale) e nove gruppi etnici.

Come tutte le popolazioni africane, quella Eritrea non è omogenea, ma composta da varie culture che durante il trentennio di guerra con l’Etiopia (1961-1991) hanno lottato insieme per l’indipendenza del paese, conoscendosi meglio, influenzandosi reciprocamente e costruendo, infine, un’identità nazionale comune trasversale alle etnie[1].

L'Eritrea è peraltro uno dei paesi più poveri del mondo: le emergenze alimentari sono ormai una consuetudine, con più dell’80% della popolazione impegnata nell’agricoltura di sussistenza. La sopravvivenza di 2 milioni di persone dipende ogni anno dagli aiuti inviati dalle organizzazioni umanitarie, mentre le condizioni di vita nei pressi del confine con l’Etiopia sono miserevoli a causa delle conseguenze del conflitto.

I servizi di base, quali i servizi sanitari, igienici, le infrastrutture scolastiche e di assistenza ospedaliera, non sono garantiti neanche nella capitale Asmara (vedi Istituto di Cultura Eritrea).

Per ulteriori approfondimenti e analisi cfr. il Rapporto Annuale SPRAR 2008-2009,pp. 194-203


[1] Risulta utile una precisazione sul concetto di cultura: non si tratta di un oggetto immutabile, ma di un processo in continua evoluzione, che attraversa la vita dei popoli e partecipa alla loro storia e ai loro cambiamenti. È in continuo movimento e, seppure talvolta in maniera impercettibile, lentamente si trasforma modificando l’habitat di chi la popola e modificandosi a sua volta attraverso i suoi abitanti.

Paesi di origine e transito

Prime informazioni e link per approfondire la conoscenza dei contesti di provenienza e di passaggio

CONTEXTUS © 2009      |     All Rights Reserved

Webmaster: Gabriella Gallizia - Defence for Children International