Paesi Schede paesi di origine Iraq Tutela dei diritti umani

Tutela dei diritti umani

Come evidenziato nel Rapporto Annuale 2009 sull’Iraq elaborato da Amnesty International, l'anno 2009 ha visto una significativa riduzione della violenza, benché tutte le parti impegnate nel conflitto in corso abbiano commesso gravi violazioni dei diritti umani. Migliaia di civili, bambini compresi, sono rimasti uccisi o feriti, per lo più in attentati suicidi e altri attacchi dinamitardi compiuti da gruppi armati opposti al governo e alla Forza multinazionale guidata dagli Stati Uniti (MNF).

Civili sono stati uccisi anche dall'MNF e dalle forze governative irachene. Sia l'MNF sia le autorità irachene hanno trattenuto migliaia di detenuti, la maggior parte dei quali senza accusa né processo, alcuni anche da cinque anni. Le forze governative di sicurezza, comprese guardie carcerarie, stando alle segnalazioni, si sono rese responsabili di torture, tra cui stupri, e uccisioni illegali. Le autorità sono ricorse a un uso estensivo della pena di morte. Più di quattro milioni di iracheni erano sfollati; due milioni erano profughi all'estero e altri sfollati all'interno dell'Iraq.

La regione del Kurdistan ha continuato a essere interessata in tono minore dal conflitto ma sono pervenute continue segnalazioni di abusi per mano delle forze di sicurezza e di violenza sulle donne.

Per consultare la versione integrale del Rapporto Annuale 2009 sull’Iraq elaborato da Amnesty International vai al seguente indirizzo  e in materia di tutela dei diritti dei rifugiati vai al seguente indirizzo (sito in lingua inglese)

Paesi di origine e transito

Prime informazioni e link per approfondire la conoscenza dei contesti di provenienza e di passaggio

CONTEXTUS © 2009      |     All Rights Reserved

Webmaster: Gabriella Gallizia - Defence for Children International